Il progetto – finanziato grazie ai fondi della legge 285/97 – focalizza l’attenzione sulla dispersione scolastica e sul passaggio dalla secondaria di primo grado a quella di secondo grado, momento cruciale nel percorso di istruzione obbligatoria, soprattutto per i ragazzi più fragili. Obiettivo è quindi rafforzare la continuità tra i cicli e le attività di orientamento scolastico e di valorizzazione delle potenzialità e delle risorse di ciascuno.
Attività proposte:
– interventi di orientamento e ri-orientamento;
– laboratori didattici per il recupero degli apprendimenti in collaborazione con i docenti curricolari;
– laboratori educativo-motivazionali a supporto dell’inserimento nella nuova scuola;
– laboratori di lingua 2 per gli studenti non italofoni;
– attività di peer tutoring (studenti di quarta superiore formati ad accogliere e aiutare i ragazzi di prima);
– accompagnamento delle famiglie con incontri di gruppo e individuali.
Il progetto prevede anche la costruzione di reti e sinergie tra scuole e servizi del territorio, per attivare gruppi di lavoro e scambi di esperienze e buone pratiche contro la dispersione scolastica.

Ente capofila: Fondazione Ismu